Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player



Teuta Gwened
Teuta è un clan, una comunità. Chi conosce ed entra a far parte della nostra associazione culturale vuol conoscere meglio sé stesso, le proprie origini, la spiritualità più intima di chi prima di noi ha creato e mantenuto intatto quell’equilibrio e sodalizio imprescindibile che ancora oggi unisce l’uomo e la natura all’universo. Teuta Gwened nasce dal bisogno di sapere, di condividere valori e costumi, ma anche i miti e le leggende, capire l’origine di usanze e riti, nonché il significato più profondo della tradizione veneta. Le nostre origini sono una nebulosa lontana, che si perde nella notte dei tempi. Veneti, celti, Longobardi e Goti. Noi siamo tutto ciò. E ancora oggi chi si sente di appartenere alla Teuta si sente discendente di Vivaldi, Palladio, Goldoni, Canova, Tiziano, Canaletto, Cangrande, Ezzelino... Siamo gli eredi della Serenissima Repubblica, la prima nazione che fondò se stessa sul diritto di ogni uomo a vivere da uomo libero, nel rispetto reciproco fra cittadini e loro istituzioni. Eredi di quel codice di norme e valori etici non scritti, che ancora oggi hanno un valore per noi. Il rispetto fra gli uomini, se pur diversi, il rispetto per la natura e i suoi ritmi, l’amore per la famiglia e verso il prossimo. Tutto questo ancora oggi è tangibile a tutti coloro che vivono e conoscono la terra Veneta. Vogliamo conoscere la storia che ci hanno taciuto nei libri di scuola, le imprese dei nostri eroi medievali, la grandezza della nostra letteratura e del nostro teatro, ancora oggi chiamato volgarmente ‘dialettale’. Vogliamo confrontarci con i nostri fratelli celti atlantici… Con quel mare che anche i nostri avi osavano sfidare. Con quel vento del nord che ancora oggi ci trasporta verso nuove mete da raggiungere. Nuovi sogni per cui lottare. Come il sogno di poter gridare a tutti, sotto il nostro sacro vessillo di San Marco, che siamo nati liberi e fieri, liberi di amare la nostra terra e il nostro popolo, liberi di essere Veneti e di urlarlo al mondo intero, senza più alcun timore. Teuta è il nostro clan, la tribù. Gwened è il nome bretone della città di Vannes, fondata dai Veneti antichi. Il nostro motto è : Untar d’Oaka!, il richiamo per radunare i capifamiglia delle comunità cimbre delle montagne venete, un costume risalente alle fahre longobarde. Significa ‘sotto la quercia’, albero sacro per gli antichi druidi.
Chi Siamo

TEUTA è una parola presente in molte lingue indoeuropee e già nel VI sec. a.C. la ritroviamo nel Veneto in alcune iscrizioni di pietre confinarie (TE). Il suo significato è 'popolo, comunità, clan': è l'idea fondante del nostro progetto. L'etimologia di questa antica parola la riscontriamo anche nei nomi di alcune divinità celtiche (Teut, Teutates...) il cui compito era quello di difendere in battaglia la propria tribù. Ma da 'teuta' deriva anche il nome teutoni - tedeschi, che altro non significa che insieme di popoli, ovviamente accomunati da una fratellanza etnica. GWENED è il nome bretone della città di Vannes, antica capitale dei Veneti atlantici. Quindi il significato di Gwened è 'Venezia, Veneto, città dei Veneti'.

L'attività

L'Associazione da anni ha intrapreso un'attività rivolta alla conoscenza e quindi alla divulgazione del nostro patrimonio culturale, folklorico e linguistico. Teuta in questi anni ha realizzato: serate culturali a tema, numerosi eventi con musiche e danze del folklore europeo, mostre espositive e stand culturali; numerosi notiziari ricchi di spunti e approfondimenti sulle leggende, le tradizioni, la lingua, la spiritualità, la storia ed il territorio del Veronese e del Veneto tutto... Teuta dunque è ricerca, elaborazione e divulgazione della tradizione veneta!

La musica

Da sempre TEUTA si fa promotrice della musica folk dell'Europa centrale, nordica ed occidentale, in particolare della musica celtica (bretone, irlandese, scozzese e gallese...). Dalle ballate tradizionali irlandesi alle melodie bretoni e quindi al patrimonio musicale del Veneto e delle aree limitrofe, per passare alle sperimentazioni 'newfolk' che pervadono l'Europa moderna. Durante le numerose serate promosse dalla nostra associazione si sono esibiti gruppi di musica tradizionale, in alcuni casi accompagnati da un corpo di ballo popolare, tra cui: Braul Folc, McNando, Irish Donkey Derby, Hanrahan, Cnò, The Spriggan, Folk Studio A, The Rogues, The Wonderful Ogive, The Scotia Shore...

I principali eventi ideati e realizzati da TEUTA sono: Celtic Night a San Bonifacio nel gennaio 2004; Serata Irlandese a Caldiero nel maggio 2004; Tanzerloch a San Bonifacio nel giugno 2005; Alponfolk a San Giovanni Ilarione nell'agosto 2006; TerrAntica a San Bonifacio nel 2007... Durante le manifestazioni, oltre a musica e danze tradizionali, si svolgeva un mercatino dell'artigianato locale, erano presenti artisti del legno, del ferro, della pietra e quindi pittori, nonché stand culturali.

La tradizione

Il Veneto possiede tutt'oggi un forte legame con le proprie radici, nonostante lo sviluppo industriale, la globalizzazione, la mercificazione della nostra terra, l'immigrazione di massa, l'assenza (se non l'antagonismo) delle istituzioni a vari livelli, tutto ciò ha tentato di minare questo sentimento. E' difficile cogliere una sintesi del 'traditional' veneto, come ad esempio per scozzesi, irlandesi o tirolesi... Eppure una spiritualità diffusa ne ha conservato il significato più intimo, tanto che 'veneto' appare innegabilmente come qualcosa di immediato e intriso di valori profondi. Lentamente, ma con sempre maggiore coscienza, si sta' passando da una visione mortificante e alquanto distorta di un 'veneto pitoco' ad un Veneto orgoglioso del proprio essere, rielaborando esperienze e quindi esaltandone la particolarità... Insomma, un Veneto di tradizioni, capace di coniugare passato, presente e futuro!

Il simbolo

Il triskell è un simbolo celtico che contiene i tre elementi fuoco, acqua e terra, presente anche nelle antiche spade galliche e poi longobarde ritrovate nel Veronese. Il triskell di Teuta mostra un serpente/drago, un cane ed un leone. Il serpente/drago, è il simbolo primordiale e quindi dell'origine della nostra Tradizione; Il cane è simbolo di fedeltà (alla nostra Terra e alla nostra Tradizione) oltre che richiamo storico alla grande Signoria degli Scaligeri e alla tradizione guerriera longobarda cui essi stessi si richiamavano. Il leone è simbolo di forza (della nostra Gente e della nostra Tradizione) e stendardo della Serenissima Repubblica Veneta (el Lion alà de San Marko); ma il leone è anche uno dei più diffusi stemmi medievali (ad esempio la Scozia), oltre che già presente nelle antiche raffigurazioni venetiche. Il bianco ed il nero di Teuta indicano, il primo, la vita, il positivo, la speranza e la luce, mentre il secondo la nostra Terra, dalle lande paludose della bassa alla nere pietre di origine vulcanica della Val d'Alpone, con cui i nostri Padri costruivano le loro case, i loro palazzi e i loro castelli...

Questo Blog è stato realizzato in seno al progetto 'Creattivamente' della Consulta Giovanile di San Bonifacio, in parte finanziato dalla Regione Veneto.

Associazione Culturale TEUTA GWENED - San Bonifacio (Verona) - C.F. 92019330239